In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

il-nido-della-fenice

e-book

e-book-free


In questo spazio trovate il nostro amore per la lettura, che non vuole distinguere tra libro cartaceo o elettronico, perché per noi non è importante il mezzo (dalle tavolette d'argilla dei Sumeri alla tecnologia dell'e-reader) ma la comunicazione, quella che tramite la lettura può accadere tra le menti delle Persone.

Qui trovate i Cataloghi delle edizioni Nido della Fenice...

 

 

 

 
 
La sezione è stata divisa in due parti:valigia-letture
 
◊ - Catalogo delle edizioni free edite da Nido della Fenice
      
(solo per utenti registrati al sito, registrati →)
 
 
Non avete che da accedere, scaricare e ... iniziare a leggere...
 
 
 
 
 
Sulla Lettura...

Libro di carta o e-book? 
Abbiamo chiesto a un'autrice, che ha stampato con Nido della Fenice Editore, una sua opinione sul dibattito che in questi anni [e soprattutto in questi ultimi mesi] sembra dilaniare il ristretto ambito delle persone che leggono: libro di carta o libro elettronico (e-book)?
E lei ci ha risposto inviandoci questo breve scritto.

 

La magia del leggere 
Il sole sta velocemente declinando verso l'orizzonte, la luce scema. Nella tua casa stai bene, comodo e al caldo, ti muovi verso uno scaffale e prendi in mano un libro, quello che stai leggendo da qualche giorno. Ti siedi in poltrona, allunghi le gambe e lo apri. Con l'aiuto di un segnalibro ritrovi il racconto dove lo avevi interrotto ieri, cerchi il capoverso, l'inizio del capitolo o il brano che avevi lasciato in sospeso. Scorri le righe, le parole e ogni simbolo grafico e... lettrice

... E la magia si compie...

Quanto impieghi a staccarti da quelle lettere tipografiche, da quei simboli? Tu leggi "nuvola" ma non sei più legato ai caratteri che uniti compongono la parola e neppure a quel singolo sostantivo: tu leggi "nuvola" e la tua mente la vede...
Cosa hai impiegato, quanti nanosecondi? E nella stessa frazione del tempo che non c'è più tu ti sei accomiatato dal tuo corpo, dal tuo destino, dalla tua storia passata e da quello che sarai tra un'ora, domani.

In tanti ormai ci parlano insistentemente della loro interpretazione di spaziotempo [il cronotopo], di come essa è ora da concepirsi come un falso concetto e di noi si debba apprendere la dimensione umana come aldilà di spazio e tempo...
Sorrido, sorrido e non posso proprio farne a meno... Noi siamo già aldilà di spazio e tempo, e la nostra mente non ha più neppure la necessità di un corpo fisico, il nostro... perché questo noi lo abbiamo appreso da molto, noi ci siamo allenati con la lettura e con essa abbiamo già conosciuto ogni possibile liberazione.

 

Era iniziato a piovere. Con un ticchettio dapprima leggero, quasi inudibile, ed era stato soprattutto l'odore aspro della pioggia autunnale a comunicarci il suo arrivo. Poi le nuvole che con una manovra silenziosa si erano unite in una fitta cortina, divenuta nel giro di pochi minuti quasi una coltre, una specie di nebbia bassa. E lo scroscio del temporale ci aveva quasi sorpresi per la sua violenza inaspettata e l'eco lontano di un tuono. Così il ticchettio si era trasformato in un martellamento sfaccettato, a seconda della superficie che quelle gocce, ora violente, avevano iniziato a colpire.

 

E io che esercito l'antico piacere della lettura adesso sono là, in quella pioggia, e nulla mi importa più del font scelto o della dimensione del carattere, non mi accorgo se le pagine che leggo sono ingiallite dall'uso o sono quelle virtuali di un e-reader. pioggiaL'atto del leggere mi astrae da me stesso come dall'oggetto che mi offre questa lettura, io sono in un nonluogo dove la mia unica relazione è con la mente di chi oggi, due mesi fa, un secolo addietro nella sua mente ha immaginato questa pioggia e, scrivendo la sua visione, ha permesso che ora io ne costruissi nella mia mente una analoga, immateriale e quasi sicuramente differente dalla sua, ma grazie alla sua.

 

La magia del leggere...


Giulia Mancina

 

 

 

 
 
 

 

Share
Venerdi, 15 Dicembre 2017  18:42:24

 siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI
vai 

Esegui Login o registrati




FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno